Bello è festeggiare il proprio compleanno con le persone che ami.
E se il festeggiato, o come in questo caso, la festeggiata è una donna sempre sorridente e celebre per la sua enigmatica bellezza, beh, anche l’ambiente attorno a lei non potrà essere da meno!

Il 15 giugno è il compleanno di Monna Lisa Gherardini, moglie del Giocondo. Come ho avuto modo di raccontare, qualche articolo fa, Firenze ha festeggiato la sua concittadina più famosa con una tre giorni di eventi tra arte, moda, spettacolo, leggenda, storia e creatività.

Numerosa è stata la partecipazione del primo e del secondo giorno, alla presenza di ospiti di eccezione, ma è stata la giornata di domenica ad animarsi e a immergersi in un’artistica atmosfera di festa!

Hppy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Così, mentre le vetrine delle gallerie fiorentine e i negozi di Via Maggio ospitavano opere d’arte a tema leonardesco e “giocoso”, mentre i turisti e i non-turisti incuriositi vagavano nel museo a cielo aperto di Piazza della Passera dedicato alla celebre musa, si svolgevano due importanti manifestazioni che avevano il compito di chiudere in bellezza la bellezza di festeggiare Monna Lisa e di Monna Lisa stessa.

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Nella sede di Via Toscanella, nello Studio di Ottone Rosai, si è tenuta una conferenza in dialogo tra arte e teatro con Monna Lisa 3.0 tra storia e leggenda. Un confronto tra sguardi e voci curato dal Museo Ideale Leonardo Da Vinci e presentato insieme all’artista Franco Guerzoni.

Franco Guerzoni ed Eloisa Reverie Vezzosi

Perché se il mondo conosce la Gioconda/Monna Lisa e ne ha fatto un fenomeno mediatico fino a renderla simbolo e icona, è necessario capire come questo sia successo. È necessario indagare e conoscere le 5 W. L’universalità di Leonardo e la popolarità del suo capolavoro si rivelano fenomeni infiniti e trasversali, virali come la rete. Ecco perché Monna Lisa è diventata 3.0.

Un gruppo nutrito di opere esposte è stato la cornice dell’evento.
Tra gli artisti, c’è chi ha donato alla Monna Lisa un elegante cappello nero, come Lucia Marcucci, chi l’ha legata al mito di Marylin Monroe, come Malipiero, e chi nuda l’ha ingioiellata in un mondo sottomarino, come nell’opera di Kerozen e Maria Pia Ranaldi. Così la Gioconda viene celebrata ma allo stesso tempo esorcizzata. Perché le grandi icone, si sa, o si venerano o si temono.

Hppy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Kerozen ed Eloisa Reverie Vezzosi

L’aria di festa, ve lo posso confermare, si sentiva e si percepiva sempre più forte!
Un’aria buona, di voler bene e di voler fare del bene.

Come un compleanno che si chiude con l’apertura dei regali, Monna Lisa ha scelto che i doni a lei dedicati fossero usati per aiutare gli altri.

E così, all’interno del MONNALISA DAY è nata l’originale manifestazione: MONNA(G)AY,
Perché i panni sporchi non si lavano solo in famiglia, ma anche in Piazza”. Sabrina Querci e la sua Q.Connections hanno organizzato un’asta benefica per la quale creativi di vari ambiti, dall’arte alla moda, hanno donato un’opera su biancheria e i proventi sono stati interamente devoluti all’associazione toscana IREOS, legata al sostegno delle persone LGBT in difficoltà.

Un grido contro l’omofobia, contro la discriminazione, contro l’ottusità di retrogradi pensieri e una forte esortazione a vivere, viversi e amarsi di più, un invito a non sentirsi soli, a non rimanere in the closet. Perché l’orientamento sessuale non deve essere considerato un problema, ma il numero di suicidi di giovani che non vengono accettati perché considerati “diversi” si!

La pioggia non ha fermato i festeggiamenti. L’asta non si è svolta in Piazza della Passera ma allo Studio Bianco-Lotti in Borgo Stella, 17 R.
Perché i panni sporchi non si lavano solo in famiglia, ma… in compagnia! E sempre e in ogni luogo, perché in Italia bisogna fare rumore!
Il conduttore della serata è stato Diego Passoni di Radio Deejay che, insieme a una sedicente Barbara D’Urso, ha animato la serata e i cuori dei presenti.
Un duo assolutamente eccezionale!

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

La sintesi estrema dell’evento potrebbe essere: tante allegria, tanta arte, amicizia e condivisione.
I creativi e creatori, presenti, sono stati invitati a parlare delle loro opere e a illustrare l’idea ispiratrice del loro lavoro.

Da Massimo Giorgetti, celebre stilista del brand MSGM, a Michele Chiocciolini, giovane stilista dall’occhio e dal tocco artistico, da Ralph Hall e le lacrime della sua Monna Lisa che piange per la cattiveria umana al gruppo Fu*turista che, con un lavoro a quattro mani, unisce la figura femminile al braille.

Massimo Giorgetti ed Eloisa Reverie Vezzosi

Michele Chiocciolini ed Eloisa Reverie Vezzosi

Fu*turista ed Eloisa Reverie Vezzosi

Anche io, nel mio piccolo, mi sono divertita a contribuire alla causa, acquistando un eccentrico capo di Fabio Fileccia di FashioNoshi col volto di Monna Lisa in paillettes: un top che si apre sul dietro a coda di rondine, particolarmente in sintonia con i miei gusti!

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Alcuni, dopo averlo visto, hanno commentato che non si riconosce in realtà il volto della Gioconda, ma io, convinta, ho risposto che potevo e volevo vederla sorridere.

Ralph Hall ed Eloisa Reverie Vezzosi

Perché ognuno di noi si vede e vede in modo diverso.
Donna o uomo? Non importa! Quando ti guardi allo specchio o dentro un riflesso di pensieri, tu come ti vedi?

È necessario spogliarsi degli occhi degli altri e vivere seguendo se stessi, la propria natura e le proprie inclinazioni.
La cosa più pericolosa è chiudere gli occhi e decidere di non vedere.

Ancora buon compleanno cara Monna Lisa,
ti auguriamo in coro cento di questi giorni,
consapevoli però che il nostro “Angelo sorridente/specchio misterioso” vivrà in eterno!

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl 

#keepsmilinglikeMONNALISA #followtheartgirl

 Diego Passoni ed Eloisa Reverie Vezzosi

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl

Happy Birthday Monna Lisa, by the Artgirl  

I was wearing: taiwanese jacket + shirt: FAIR NO ART + jeans: Alberta Tanzini + shoes: Jeffrey Campbell + bag: RoccoBarocco

Credits:
photo: Benedetta Sani
special thanks to Caterina Bini e Sabrina Querci

AMOlinks:
http://www.qconnections.it/
http://www.museoleonardo.com/
http://www.artmoodon.com/2014/06/monnalisa-day/