«Nessuno là dentro osava respirare: io meno degli altri». Queste le parole di Giorgio Soavi, scrittore italiano e ospite privilegiato dell’atelier parigino di Alberto Giacometti. «L’aria dello studio al numero 46 di rue Hyppolyte-Maindron era talmente rarefatta che riusciva difficile anche

Read more