Duchamp

FREEDOM IN CODE


Wednesday October 5th, 2016
img_9604

“Dissident Artist”: Ai Weiwei is not free from definition.

But today who is free among of us ?

I have visited the retrospective that the Fondazione Palazzo Strozzi dedicates to Ai Weiwei, and I have found my definition of freedom…

Il teatro dell’arte tra Vedova e Calder

Thursday September 17th, 2015
Fondazione Vedova, Eloisa Reverie Vezzosi

«Le mie opere non sono creazioni, ma terremoti. Non sono pitture, ma soffi».
Alexander Calder incontra Emilio Vedova: il mio nuovo articolo sulla doppia mostra della Fondazione Vedova è online.
Ho visto per la prima volta l’arte di Vedova quando avevo tre anni, ed è stato illuminante. Oggi vi racconto del “contenitore in movimento” di Renzo Piano che ospita le sue “Americhe”, dell’ideale legame con Calder e delle opere d’arte che scelgono di mostrarsi allo spettatore (e non viceversa).

Il caso neutro dell’arte

Thursday July 2nd, 2015
Mono-Ha : Eloisa Reverie Vezzosi alla Fondazione Mudima

Il mio cuore è sempre stato bianco con al centro un punto rosso. Oggi vi porto a conoscere Mono-Ha, il gruppo di artisti giapponesi che la Fondazione Mudima di Milano ospiterà fino al 19 settembre in una mostra monografica a cura di Achille Bonito Oliva e Masahiro Aoki. Sono sempre stata affascinata dal peso delle cose e questi dieci artisti “delle cose” hanno fatto “scuola”.

L’ARTE IN CODICE: BIENNALE 56

Thursday May 14th, 2015
La Biennale di Venezia, Eloisa Reverie Vezzosi

With 89 foreign national exhibitions and on a surface of 46,000 sqm + 6,526 sqm + 50,000 sqm of Giardini, Sale d’Armi and Arsenale, the “All the World’s Futures” is brought to life, together with our reflection on the “state of things” with Okwui Enwezor, the first black curator in the history of the event.

foto-tendenze: la camera chiara

Thursday April 23rd, 2015
Eloisa Reverie Vezzosi, MIA Fair 2015, Milano

La fotografia è dipendente dalla realtà̀. Può̀ riprodurre qualcosa se e solo se questa esiste, se e solo se il referente è di fronte all’obbiettivo.
Ma siamo veramente sicuri che le cose oggi stiano così? Ritengo che sia sempre individuabile in ogni forma artistica una linea di gusto, uno stile e una visione del mondo che per quanto possa essere armonica o disarmonica risulti costantemente evidente. Ho cercato di individuare questa “tendenza” nella fotografia dopo gli stimoli del MIA Fair di Milano.

MONNALISA DAY

Sunday June 15th, 2014
Artgirl at MONNALISA DAY

La Gioconda torna a Firenze. Sì, avete letto bene: la Gioconda torna a Firenze! Il quadro, l’icona, la donna più enigmatica della storia, non solo dell’arte. «L’opera più famosa al mondo ma allo stesso tempo meno conosciuta nei suoi significati».

Read more