Reverie visita la Collezione Maramotti in occasione della prima personale europea di Anna Conway e dimostra che l’obbiettivo dell’arte è l’arte stessa. L’arte per l’arte, l’arte che sta all’arte, l’arte meno l’arte e anche più. Dato «Art for art’s sake», infinite sono le operazioni possibili col medesimo fine.